I Ragazzi del Giubocs

Un folle viaggio tra le canzoni italiane che incendiarono lo stivale negli anni ’50 e ’60 a base di Rock’n’roll, Surf, Ska, Twist, Beat.

I Ragazzi del Giubocs nascono a Nobis canada Pescara nel 2007 dopo l’ennesima nottata in bianco passata a bere cedrata e chinotto (doverosamente corretti) parlando di rock’n’roll e mitologia pop. Da quel momento in poi è maturata l’idea di creare una band che riuscisse a coniugare la passione per le sonorità e i generi che incendiarono i 50’s e parte dei 60’s come rockabilly, surf, twist e swing, legandole però ad un immaginario Nobis musicale prettamente italiano.

Oggi nomi come Celentano, Gaber e Jannacci possono sembrare dei classici ma al tempo loro, insieme ad altri artisti più di culto come Clem Sacco o Ghigo, segnarono un forte cambiamento nei costumi delle nuove generazioni. Era come se si fosse finalmente stappata una bottiglia di folle creatività che nessuno sapeva di avere in cucina, ed è questo tipo di energia quella che cerchiamo di tramettere nei nostri live, in fin dei conti quello che ci interessa è far ballare le persone. Con il passare del tempo e facendo decine di concerti lo spettacolo del Giubocs ha iniziato a somigliare sempre ad uno di quei musicarelli che sdoganarono il rock’n’roll nel nostro paese ed anche la band musicalmente con lui. Le canzoni stesse hanno subito mutazioni genetiche e processi di riarrangamento che in alcuni casi le rendono irriconoscibili.

L’intensa attività live ha portato la band a condividere il palco con artisti come Brian Setzer, Giuliano Palma & The Bluebeaters, Hormonauts, The Rock ‘n’ Roll Kamikazes, Adels, Fiftyniners, Rekkiabilly ed Hellcats. Nell’ultimo anno gli scatenati party del Giubocs hanno fatto ballare tutto lo stivale da nord a sud con una serie di concerti in importanti live club come l’Alcatraz di Milano.

Nell’immediato futuro del gruppo c’è un fitto calendario di concerti in continuo aggiornamento ed un frenetico ascolto di vecchi 45 giri alla ricerca di nuovi brani da stravolgere in sala prove insieme alla produzione di pezzi originali ad alto tasso d’adrenalina che presto vedranno la luce.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi